ROCK NEWS P.ta 91


Rock News P.ta 91

Nuovo episodio de “Lo Strillone Rock” l’appuntamento settimanale (Podcast Rock) con le notizie dal mondo della musica Internazionale e Nazionale. Al microfono Ark & Arianna

LA PLAYLIST

  1. The Chemical Brothers – Block Rockin’ Beats (Single Version)
  2. Gianluca Grignani – Destinazione Paradiso
  3. Rage Against the Machine – Killing In the Name
  4. Sophie Ellis-Bextor & PNAU – Murder On The Dancefloor (PNAU Remix)
  5. Green Day – The American Dream Is Killing Me
  6. Edoardo Bennato – Il Rock Di Capitan Uncino

LE NOTIZIE DA ASCOLTARE

The Rolling Stones, Mick Jagger condivide la sua playlist perfetta per gli allenamenti; Gianluca Grignani annuncia la data zero del suo tour; Tim Commerford sui Rage: “Non so nulla, sono solo il bassista”; Sophie Ellis-Bextor di “Murder on the Dancefloor” live in Italia; Courtney Love sul palco a sorpresa con i Green Day (i Coverups) durante un concerto a Londra; “Peter Pan” con le musiche di Edoardo Bennato in scena a Brescia.

COS’E’ LO STRILLONE ROCK?

Quanti di voi sono alla costante ricerca di News: mi rivolgo a voi rocker, affamati di musica e della notizia che magari allieta le vostre giornate, annunciando, ad esempio, il nuovo album della band del cuore. Beh, ecco il posto giusto per voi: arriva l’RG dedicato alle notizie Rock, con Ark che si trasforma in Strillone, una figura storica, quasi del tutto dimenticata, che le menti diaboliche dello staff hanno tirato fuori.

CHI ERANO GLI STRILLONI?

Forse solo qualche vecchia fotografia in bianco e nero o le immagini di film di gangster, riportano alla mente questi ragazzi che, per guadagnare qualcosa, correvano per le strade gridando le notizie pubblicate sulle prime pagine dei giornali. Giornali che non uscivano soltanto in un’unica edizione al mattino.

Infatti, in Italia, la prima edizione de Il Corriere della sera venne posta in vendita alle 21.00 del cinque marzo 1876. Indovinate un po’ da chi? Dagli strilloni, i quali vivevano in una Milano già coinvolta nella sua crescita industriale e sociale al punto che, in pochi anni, il quotidiano venne tirato prima due e poi tre edizioni al giorno.


Lo Strillone Rock Le rock news a portata di orecchie

COS’E’ ROCK NEWS (STRILLA LA NOTIZIA)?

Come descrivere un progetto studiato e realizzato per gli affamati di Notizie? Semplicemente pensando da ascoltatore, da chi, come noi, cerca qualcuno che racconti con semplicità quello che accade nel mondo del rock. Fondamentalmente, si è cercato di realizzare un servizio semplice, accompagnato da un pizzico di ironia, curato nel dettaglio, proprio per regalare all’ascoltatore 20 minuti di notizie e musica.

ALTA RISOLUZIONE AUDIO

E poi, volete ascoltare un pò di musica ad altissima risoluzione? Una delle priorità del progetto #RoCkAnDwOw è la cura tecnica di ogni episodio. Di fatto, la musica proposta e in Audio Ultra HD per un ascolto immersivo dei vostri brani preferiti! Consiglio della casa: cuffie indossate e via con il play!

Quindi, siamo certi che molti sono i motivi per cui ascoltare quello che è il primo RG Rock della storia… Forse…

INTERATTIVITA: I PROTAGONISTI SIETE VOI

RoCkAnDwOw è interattività: di fatto siete voi i protagonisti dei nostri format. Infatti siete voi a scegliere i pezzi da inserire nelle nostre playlist, ovviamente tra quelli proposti nei sondaggi presenti nel gruppo Facebook (Clicca per visitare il gruppo).
Inoltre potete interagire alle nostre dirette o richiedere i vostri pezzi tramite

Numero WhatSapp 366 6388087

Canale Telegram https://t.me/RoCkAnDwOW

In conclusione, è arrivato il posto che stavate cercando: molta musica alternativa allo standard radiofonico, arricchita da “gustoso” materiale di cui “nutrirsi”, per trascorrere un po’ del vostro prezioso tempo in compagnia di Ark.

ROCK NEWS P.ta 90


Rock News P.ta 90

Nuovo episodio de “Lo Strillone Rock” l’appuntamento settimanale (Podcast Rock) con le notizie dal mondo della musica Internazionale e Nazionale. Al microfono Ark & Arianna

LA PLAYLIST

  1. The Beatles – All You Need Is Love
  2. Bruce Dickinson – Laughing In the Hiding Bush
  3. Liam Gallagher & John Squire – Mars To Liverpool
  4. Kings of Leon – Mustang
  5. The Police – Every Little Thing She Does Is Magic
  6. Pendulum – Witchcraft

LE NOTIZIE DA ASCOLTARE

The Beatles, annunciato l’incredibile progetto del biopic: quattro film, uno per ogni membro della band; Iron Maiden, Bruce Dickinson: “Passeggiare nei cimiteri mi tira su di morale”; Oasis, Liam Gallagher: “Noel ha rifiutato un sacco di soldi, ha detto di no alla reunion per i 30 anni; Stewart Copeland annuncia “The Police Diaries”, la biografia che racconta la storia dei primi anni dei Police; I Pendulum allo Sherwood Festival.

COS’E’ LO STRILLONE ROCK?

Quanti di voi sono alla costante ricerca di News: mi rivolgo a voi rocker, affamati di musica e della notizia che magari allieta le vostre giornate, annunciando, ad esempio, il nuovo album della band del cuore. Beh, ecco il posto giusto per voi: arriva l’RG dedicato alle notizie Rock, con Ark che si trasforma in Strillone, una figura storica, quasi del tutto dimenticata, che le menti diaboliche dello staff hanno tirato fuori.

CHI ERANO GLI STRILLONI?

Forse solo qualche vecchia fotografia in bianco e nero o le immagini di film di gangster, riportano alla mente questi ragazzi che, per guadagnare qualcosa, correvano per le strade gridando le notizie pubblicate sulle prime pagine dei giornali. Giornali che non uscivano soltanto in un’unica edizione al mattino.

Infatti, in Italia, la prima edizione de Il Corriere della sera venne posta in vendita alle 21.00 del cinque marzo 1876. Indovinate un po’ da chi? Dagli strilloni, i quali vivevano in una Milano già coinvolta nella sua crescita industriale e sociale al punto che, in pochi anni, il quotidiano venne tirato prima due e poi tre edizioni al giorno.


Lo Strillone Rock Le rock news a portata di orecchie

COS’E’ ROCK NEWS (STRILLA LA NOTIZIA)?

Come descrivere un progetto studiato e realizzato per gli affamati di Notizie? Semplicemente pensando da ascoltatore, da chi, come noi, cerca qualcuno che racconti con semplicità quello che accade nel mondo del rock. Fondamentalmente, si è cercato di realizzare un servizio semplice, accompagnato da un pizzico di ironia, curato nel dettaglio, proprio per regalare all’ascoltatore 20 minuti di notizie e musica.

ALTA RISOLUZIONE AUDIO

E poi, volete ascoltare un pò di musica ad altissima risoluzione? Una delle priorità del progetto #RoCkAnDwOw è la cura tecnica di ogni episodio. Di fatto, la musica proposta e in Audio Ultra HD per un ascolto immersivo dei vostri brani preferiti! Consiglio della casa: cuffie indossate e via con il play!

Quindi, siamo certi che molti sono i motivi per cui ascoltare quello che è il primo RG Rock della storia… Forse…

INTERATTIVITA: I PROTAGONISTI SIETE VOI

RoCkAnDwOw è interattività: di fatto siete voi i protagonisti dei nostri format. Infatti siete voi a scegliere i pezzi da inserire nelle nostre playlist, ovviamente tra quelli proposti nei sondaggi presenti nel gruppo Facebook (Clicca per visitare il gruppo).
Inoltre potete interagire alle nostre dirette o richiedere i vostri pezzi tramite

Numero WhatSapp 366 6388087

Canale Telegram https://t.me/RoCkAnDwOW

In conclusione, è arrivato il posto che stavate cercando: molta musica alternativa allo standard radiofonico, arricchita da “gustoso” materiale di cui “nutrirsi”, per trascorrere un po’ del vostro prezioso tempo in compagnia di Ark.

STEFANO ZAZZERA SPECIALE INTERVISTE


RISING STARS INTERVISTE: SPECIAL GUEST STEFANO ZAZZERA


INTERVISTA: DIETRO LE QUINTE

Trentaseiesimo appuntamento con Rising Stars Speciale Interviste (STEFANO ZAZZERA), il salotto dedicato agli artisti e alle band indipendenti, curato da Arianna Rebel!

L’ospite di oggi, all’interno del nostro format, è STEFANO ZAZZERA che ci propone una rivisitazione elettro rock di BEHIND TH WHEEL dei Depeche Mode.

Arianna Rebel, con la sua contagiosa allegria e un sorriso sempre pronto, si addentra in un mondo di storie sempre diverse, ma unite da una sola passione: quella per la musica. Attraverso le sue parole, ci svela i progetti, le gioie e le fatiche di artisti, visionari e sognatori, che con la loro arte abbelliscono e arricchiscono il panorama musicale.
La produzione è curata Ark.

Info e iscrizioni su 

risingstars@rockandwow.it 


BIOGRAFIA

Stefano Zazzera è un artista che produce musica elettronica e ha lavorato per il Lincoln Center Institute a New York City.

Ha composto musica per produzioni di teatro e teatrodanza, tra cui Cedar Lake Dance e The Barrow Group.

È noto per le sue performance live e come DJ, avendo suonato in vari eventi internazionali come il Guggenheim Museum, Jazz at Lincoln Center, e altri luoghi in Germania, Austria, Libano, Israele e Italia.

Ha condiviso il palco con artisti come Mira Awad, Kaki King, Marco Messina, MegMan e Yukio Tsuji.

Recentemente, ha pubblicato il suo LP ‘Freaks’ su tutte le piattaforme digitali, che contiene 14 tracce originali in un mix di rock aggressivo ed elettronica alternativa.


Stefano Zazzera Intervista e Biografia
Stefano Zazzera Intervista e Biografia

RECENSIONE
a cura di Nik Morini

Band come i Depeche Mode, mescolando il loro sound talvolta dark con l’elettronica e la new wave, hanno regalato alla storia numerosi brani di successo, originali e anche emozionanti, come “Behind the Wheel”.

Gli H24, un duo di musica elettronica contemporanea, hanno omaggiato con dignità questo brano, regalandoci una cover sorprendente.

La sorpresa non sta tanto nel rendere ancora più moderni i suoni elettronici già presenti nel brano originale, pratica comune oggi, ma nel renderla, da una parte, più rock, con l’inserimento di una chitarra elettrica mescolata agli effetti dei pedali, e dall’altra, ancora più sperimentale nella struttura e nello studio ritmico del brano.

Il brano inizia con un tempo pari non troppo cadenzato, ben scomposto con la batteria elettronica, e poi nella seconda parte si trasforma in un terzinato che ci accompagna fino ai versi finali che ripetono il titolo.

Questo cambio di tempo a sorpresa, dà un tocco originale alla cover. Inoltre permette anche qualche modifica alla struttura, già intrisa di arpeggiatori, in continuo cambiamento ritmico e sonoro, rendendola più estesa e suddivisa in parti ben distinguibili.

I synth e gli arpeggiatori nella prima parte sono consapevolmente molto puliti e decisi in un contesto abbastanza ambient.

Mentre i suoni di chitarra, basso e batteria elettronica nella parte successiva sono decisi e potenti.

Le voci donano una interpretazione unica del brano: nel cantato sfiorano le atmosfere dark della cover, e nei quasi recitativi, talvolta, danno un tocco ancor più sperimentale, con un senso di soffocamento spesso raggiunto.



INTERVISTA PER ROCKANDWOW
a cura di Arianna Rebel

Nel salottino virtuale dedicato agli artisti di Rising Stars, la redazione di Rockandwow ha accolto un ospite molto talentuoso: STERFANO ZAZZERA.
In questa speciale intervista, l’artista ha rilasciato due gemme: una sotto forma di registrazione audio e l’altra tramite parole scritte. Un doppio incontro con la loro musica e la loro anima, che ci porta in un viaggio attraverso note ed emozioni.

  1. Come vi siete conosciuti e come avete scelto il nome della band?

    Nel singolo ‘Behind the wheel’ (cover dei Depeche Mode) collaboro con Emanuele Ranieri un musicista che conosco da molto tempo e il progetto H24 è nato perché ci trovavamo in studio o sullo stage a qualsiasi momento del giorno e della notte…


  2. Quali sono le vostre principali influenze musicali e come le incorporate nel vostro stile?

    Tutti e due veniamo da esperienze Rock Progressive e Alternative, io ho intrapreso la via dell’elettronica e con Emanuele ci siamo catapultati a fare cover anni 70/80 trovando un sound unico e intrigante.


  3. Cosa ti ispira a scrivere le vostre canzoni e quali sono i temi ricorrenti nei vostri testi?

    Come autore scrivo testi molto vari; relazioni e storie di amori impossibili, storie di assassini o di rivoluzione sociali.


  4. Come descriveresti il tuo processo creativo?

    Tutto nasce da sezioni ritmiche fra batteria e real programming che danno la colonna principale del pezzo poi inserisco Basso a chiudere la sezione ritmica. Poi inizia la fase più gratificante la creazione melodica e i testi.


  5. Come ti prepari per i tuoi concerti e quali sono le tue routine pre e post show?

    Sono un perfezionista e sono molto autocritico perciò molte prove e prima del concerto il silenzio assoluto.


  6. Qual è stata la tua esperienza più memorabile sul palco e perché?

    Ho suonato all’interno del Guggenheim Museum a NYC circondato da opere che inglobavano anime di artisti del passato… una sensazione estasiante.


  7. Qual è il tuo pubblico ideale e come interagisci con i tuoi fan?

    Per i live uso anche visuals e costumi. Lo stage teatrale è quello più intrigante.


  8. Come gestisci le critiche?

    Le critiche sono la mappa per il raggiungimento del giusto canale di esternazione del proprio messaggio d’arte.


  9. Quali sono i tuoi progetti futuri e quali sono le tue ambizioni artistiche?

    Sto già lavorando a un nuovo album e adoro portare live i progetti che pubblico. Ambizioni? Sempre più palchi e sempre più gente.



    10.Cosa fai nel tempo libero quando non suoni o registri musica?

    Leggo e dipingo



    11.Come hai sviluppato il tuo suono distintivo e come lo descriveresti?

    Ho un lungo attivo come produttore e tecnico del suono quindi credo che il sound che mi definisce arrivi da uno studio assiduo del suono e da nozioni acquisite nelle varie esperienze in studio. La musica è un’arte ma il controllo del suono è una capacità. Direi che ElectroRock è il mio genere.



    12.Quali sono le tue canzoni preferite da eseguire dal vivo e perché?

    ONCE UPON A TIME by SZ adoro la storia e il climax emotivo, BEHIND THE WHEEL perchè nessuno rimane fermo quando la suono e CUPID OF WAR by SZ perché riesco a gridare al mondo che sono vivo e non mi arrendo!



    13.Come ti tieni aggiornato sulle ultime tendenze musicali e come le incorpori nella tua musica?

    Cerco online e colleziono dischi e purtroppo mi trovo più a riscoprire gemme del passato che diamanti del futuro… Solo Bowie è riuscito a bere dalle tendenze del momento e a creare magia da questo…



    14.Qual è il tuo approccio alla scrittura di testi e come li adatti alla tua musica?

    Leggo molto ed ho una fervida immaginazione.

15.Hai mai collaborato con altri artisti o band? Se sì, come è stata l’esperienza?

Si adoro collaborare credo sia una forma di crescita


16.Quali sono i tuoi piani per il futuro in termini di tour e nuove uscite musicali?

Nuovo album ci sto lavorando. Tour si stanno aprendo date a NYC e Berlino…


17.Quali sono state le maggiori sfide che hai affrontato come artista e come le hai superate?

Trovare una produzione che crede nel progetto e copre i costi di partenza è il problema più difficile da affrontare.



18.Come ti sei adattato ai cambiamenti nel settore musicale negli ultimi anni?

Non mi adatto mi allontano


19.Qual è il tuo processo per la scelta delle canzoni da includere in un album?

Devono corrispondere allo stesso sound. Fondamentale


20.Hai mai avuto l’opportunità di esibirti in luoghi o eventi particolari?

Guggenheim, La Scala, Agorà Atene



21.Qual è il vostro consiglio per le giovani band che stanno iniziando la loro carriera musicale?

Ascoltare molto prima di accendere gli amplificatori.



22.Come gestisci il successo e la fama come artista?

Fa piacere vedere che il proprio impegno crea situazioni di benessere. L’escalation è un plus.



23.Qual è il tuo approccio alla promozione della tua musica e come ti relazioni con i media?

Seguo e collaboro con i media ma sono molto selettivo.

24.Parlaci del nuovo album/singolo.

Behind the Wheel dei Depeche Mode, la cover di Stefano Zazzera in collaborazione con Emanuele Ranieri, i quali danno vita a una rivisitazione del brano in una versione elettro rock molto innovativa


DISCOGRAFIA

PRIMULA NERA SPECIALE INTERVISTE


RISING STARS INTERVISTE: SPECIAL GUEST PRIMULA NERA


INTERVISTA: DIETRO LE QUINTE

Trentacinquesimo appuntamento con Rising Stars Speciale Interviste (PRIMULA NERA), il salotto dedicato agli artisti e alle band indipendenti, curato da Arianna Rebel!

Gli ospiti di oggi, all’interno del nostro format, sono i PRIMULA NERA che ci propongono PETER PAN.

Arianna Rebel, con la sua contagiosa allegria e un sorriso sempre pronto, si addentra in un mondo di storie sempre diverse, ma unite da una sola passione: quella per la musica. Attraverso le sue parole, ci svela i progetti, le gioie e le fatiche di artisti, visionari e sognatori, che con la loro arte abbelliscono e arricchiscono il panorama musicale.
La produzione è curata Ark.

Info e iscrizioni su 

risingstars@rockandwow.it 


BIOGRAFIA

I Primula Nera iniziarono il loro percorso nel 2002 e, dopo diverse pubblicazioni, nel 2007 pubblicarono il loro primo CD contenente 6 brani. La band ha visto vari musicisti contribuire al suo sound, ma l’attuale formazione è composta da Federico Incardona (voce/chitarra), Youri Martini (basso), Stefano Primerano (tastiere/synth) e Iris Trapani (batteria/cori). Hanno partecipato a diverse manifestazioni musicali, tra cui “Autunnonero”, “Sanremo in Festival” e “Rock in the Casbah”.

Nel 2013, pubblicarono l’EP “Simplicity” e apparvero nella trasmissione televisiva “Tattoo Art Planet”.

Nel 2017, uscì il loro album “Peter Pan”, composto da 10 brani che mescolano elementi di progressive e post-rock. L’ultima esibizione live della band risale a settembre 2023, come ospiti del “MUSAQ Music & Street Art Quiliano Contest”.

La band ha ricevuto diversi riconoscimenti negli anni: furono finalisti al Festival del Palladio a Vicenza nel settembre 2009; finalisti ad Asti Nuovi Rumori nel giugno 2010; vincitori del concorso per Band Emergenti a Ventimiglia nell’agosto 2010; secondi classificati allo Zombie Rock di Savona nel settembre 2012; vincitori del Movin’on rock fest di Arma e Taggia nell’agosto 2015; vincitori dell’Indies Festival (insieme a Morgan e Kutso) per l’accesso al MEI di Faenza nel settembre 2015; vincitori de “Le parole che cantano” 2015 (con giuria composta da Franz di Cioccio e Omar Pedrini) nell’ottobre 2015; vincitori del Varigotti Festival 2016 (con giuria Marco Barusso, Enrico de Angelis) nell’agosto 2016; e ricevettero il premio speciale “Tino Garibbo” per il miglior testo e musica del brano “Peter Pan” a Imperia note Giovani nell’agosto 2017.

Il genere musicale della band spazia dal new metal al rock inedito, fino al grunge. È possibile ascoltare la band in versione acustica durante i loro concerti dal vivo.

 Primula Nera Intervista e Biografia
Primula Nera Intervista e Biografia

RECENSIONE
a cura di Nik Morini

Assaggiando il sound energetico e, al contempo, dark dei Primula Nera, che dopo un’avviata carriera musicale in studio, live e fatta anche di concorsi e premi, tornano uniti per nuove date live, possiamo scoprire che non muore mai la realtà del progressive rock nel mondo della musica indipendente.

Il brano che ripropongono è “Peter Pan”, che dà il nome al loro ultimo album del 2017, periodo nel quale vinsero un premio per miglior testo e miglior musica proprio grazie a questo brano particolare, il “Premio speciale Tino Garibbo”.

La storica band ligure è guidata da Federico Incardona, che oltre a essere il chitarrista e cantante solista, è autore e compositore principale del progetto. È la penna dark della band, colui che mette in musica storie dalle sembianze cupe e talvolta malinconiche, quanto oniriche.

Le tastiere, il piano e i synth di Stefano Primerano danno un tocco più gotico e sinfonico alla band, ma soprattutto grazie anche alla base ritmica sempre in mutamento, ben scomposta e tecnica, danno un tocco di progressive rock e talvolta di new metal alla band, che si presenta come un gruppo alternative rock.

Inoltre, il tocco a volte distorto del basso e grunge della voce solista si mettono in contrapposizione equilibrata con la raffinatezza dello stile e del sound della canzone.

L’ostinato di chitarra all’unisono con il basso, che si ripete quasi come un tema ipnotico, facilita l’immersione dell’ascoltatore nel grido di aiuto dell’io narrante della storia, preso in un cammino di ricerca interiore, quasi onirico, chiudendo il brano con un’accettazione della parte oscura e sbagliata della sua anima, tema altrettanto dark e progressive.



INTERVISTA PER ROCKANDWOW
a cura di Arianna Rebel

Nel salottino virtuale dedicato agli artisti di Rising Stars, la redazione di Rockandwow ha accolto degli ospiti molto talentuosi i: PRIMULA NERA.
In questa speciale intervista, la band ha rilasciato due gemme: una sotto forma di registrazione audio e l’altra tramite parole scritte. Un doppio incontro con la loro musica e la loro anima, che ci porta in un viaggio attraverso note ed emozioni.

  1. Quali sono le vostre principali influenze musicali e come le incorporate nel vostro stile?

    Grunge degli anni ’90, Muse, Placebo, System of a Down, Deftones e Depeche Mode sono alcune delle mie fonti d’ispirazione. Apprezzo anche la musica classica e quella contemporanea elettronica.



  2. Cosa vi ispira a scrivere le vostre canzoni e quali sono i temi ricorrenti nei vostri testi?

    Quando uno è pieno di emozioni e vogliono uscire o si ascolta musica o la si compone. Non ci sono temi ricorrenti, ma ricorrente è l’introspezione. Qualche volta libri o fumetti o film possono ispirare.


  3. Come vi preparate per i vostri concerti e quali sono le vostre routine pre e post show?

    Imodium alcuni, birra altri. Non dico chi prende cosa.


  4. Qual è stata la vostra esperienza più memorabile sul palco e perché?
    Vicenza, parco Fornaci, Settembre 2009. Mi ruppi il polso nello skatepark del parco prima di un concorso. Suonai comunque. Perdemmo, con un brano che noi amiamo molto, Simplicity. Cavi nuovi, iniziamo a suonare non funzionavano.Non lo so, il diavolo ce l’aveva con noi quel giorno. Ma ora possiamo raccontare questo aneddoto ridendo.


  5. Come gestitele critiche e i conflitti interni alla band?

    Non ci sono. Perché per noi viene prima la persona poi il musicista. Ci siamo scelti come squadra e ci vogliamo bene. Qualche volta giusto un po’ di polemica, ma sempre nel rispetto e nell’amicizia.


  6. Cosa fate nel tempo libero quando non suonate o registrate musica?

    Ah, aspettiamo che l’ansia ci consumi l’animo per poi riprendere a suonare con più energia
    frustrante 😀


  7. Qual è il vostro approccio alla scrittura di testi e come li adattate alla vostra musica?

    Prima il contenitore, la musica, poi le parole. Sono i suoni che comandano, le espressioni letterali sono quasi superflue. Le note del pianoforte per esempio, cantano da sole.


  8. Quali sono i vostri piani per il futuro in termini di tour e nuove uscite musicali?

    Abbiamo un agente che si sta facendo n 4 per noi per organizzarci date e altro, gli vogliamo bene perché è una persona buona. Vedremo che succederà.


  9. Quali sono state le maggiori sfide che avete affrontato come band e come le avete superate?

    Eh…. Il Covid. Il Covid ha delimitato una linea di demarcazione fra prima e dopo. Ora siamo qui, i cambiamenti viventi di quel periodo orribile. La pazienza e la costanza è la chiave di ogni cosa.


  10. Avete mai avuto l’opportunità di esibirvi in luoghi o eventi particolari?

    Moltissime volte, abbiamo partecipato ha concorsi e manifestazioni nel nord Italia. È bellissimo viaggiare e confrontarsi con altre realtà personali e musicali.


  11. Se sì, quali sono stati i più memorabili?

    Sicuramente in un periodo per noi proficuo, attorno al 2014-15, abbiamo avuto modo di conoscere Franz di Cioccio, mitico batterista della PFM in occasione del concorso “Le Parole che cantano”, in giuria assieme a Omar Pedrini (mitici Timoria) dove vincemmo il concorso come miglior musica (c’erano vari premi) con il brano in versione acustica Agorafobia, in quell’occasione versione duo con un musicista locale jazz, Alex Cosentino al pianoforte. Il giorno successivo da Darfo Boario Terme ci recammo con tutta la band a Faenza per suonare al famoso MEI dove in realtà, più che la manifestazione, ci colpì un jazz club ristorante meraviglioso, con un mucchio di musicisti che improvvisavano, lo Zingarò.


  12. Qual è il vostro consiglio per le giovani band che stanno iniziando la loro carriera musicale?

    Ah non lo so, secondo me sono loro a consigliarci quali sono i nuovi trucchi del mestiere.


  13. Come vi siete evoluti come musicisti e come band nel corso degli anni?

    Le persone hanno esperienze di vita che fanno evolvere l’animo. Ciò influisce sulla musica ed è bellissimo. Ci si guarda indietro e quasi si prova un senso di tenerezza quando si osservano le difficoltà passate e le note che circondavano quelle difficoltà.

DISCOGRAFIA