ROCK NEWS P.ta 79


Rock News P.ta 79

Nuovo episodio de “Lo Strillone Rock” (Rock News P.ta 79) l’appuntamento settimanale (Podcast Rock) con le notizie dal mondo della musica Internazionale e Nazionale. Al microfono Ark & Arianna.

LA PLAYLIST

  1. Noel Gallagher’s High Flying Birds – We’re Gonna Get There In The End (7″ Mix)
  2. Kiss – Strutter
  3. Steve Hackett – People of the Smoke
  4. Sting – Shape of My Heart
  5. Bruce Dickinson – Afterglow of Ragnarok
  6. Queens of the Stone Age – Paper Machete
  7. Pearl Jam – Daughter
  8. ICEHOUSE & Simple Minds – Get It On

LE NOTIZIE DA ASCOLTARE

Noel Gallagher torna in studio per registrare un nuovo album; I Kiss continueranno ad esibirsi sotto forma di ologrammi; Steve Hackett: esce il nuovo singolo; Sting annuncia un concerto la prossima estate; Bruce Dickinson pubblicato il nuovo singolo Afterglow of Ragnarok; Queens of the Stone Age e Royal Blood agli I-Days Milano 2024; Pearl Jam: le lavorazioni del nuovo album sono terminate; Quattro concerti per i Simple Minds nella estate italiana 2024.

COS’E’ LO STRILLONE ROCK?Quattro concerti per i Simple Minds nella estate italiana 2024

Quanti di voi sono alla costante ricerca di News: mi rivolgo a voi rocker, affamati di musica e della notizia che magari allieta le vostre giornate, annunciando, ad esempio, il nuovo album della band del cuore. Beh, ecco il posto giusto per voi: arriva l’RG dedicato alle notizie Rock, con Ark che si trasforma in Strillone, una figura storica, quasi del tutto dimenticata, che le menti diaboliche dello staff hanno tirato fuori.

CHI ERANO GLI STRILLONI?

Forse solo qualche vecchia fotografia in bianco e nero o le immagini di film di gangster, riportano alla mente questi ragazzi che, per guadagnare qualcosa, correvano per le strade gridando le notizie pubblicate sulle prime pagine dei giornali. Giornali che non uscivano soltanto in un’unica edizione al mattino.

Infatti, in Italia, la prima edizione de Il Corriere della sera venne posta in vendita alle 21.00 del cinque marzo 1876. Indovinate un po’ da chi? Dagli strilloni, i quali vivevano in una Milano già coinvolta nella sua crescita industriale e sociale al punto che, in pochi anni, il quotidiano venne tirato prima due e poi tre edizioni al giorno.


Rock News (Lo strillone Rock)

Copertina a Fumetto

Come di consuetudine, le copertine dei nostri format sono curate dal fumettista Marco Fiorenza, il quale si è liberamente ispirato agli originali Strilloni. Naturalmente, il tizio disegnato nella locandina è Ark, in tutta la sua follia, mentre “strilla” le notizie rock più WoW del momento.


COS’E’ ROCK NEWS (STRILLA LA NOTIZIA)?

Come descrivere un progetto studiato e realizzato per gli affamati di Notizie? Semplicemente pensando da ascoltatore, da chi, come noi, cerca qualcuno che racconti con semplicità quello che accade nel mondo del rock. Fondamentalmente, si è cercato di realizzare un servizio semplice, accompagnato da un pizzico di ironia, curato nel dettaglio, proprio per regalare all’ascoltatore 20 minuti di notizie e musica.

ALTA RISOLUZIONE AUDIO

E poi, volete ascoltare un pò di musica ad altissima risoluzione? Una delle priorità del progetto #RoCkAnDwOw è la cura tecnica di ogni episodio. Di fatto, la musica proposta e in Audio Ultra HD per un ascolto immersivo dei vostri brani preferiti! Consiglio della casa: cuffie indossate e via con il play!

Quindi, siamo certi che molti sono i motivi per cui ascoltare quello che è il primo RG Rock della storia… Forse…

INTERATTIVITA: I PROTAGONISTI SIETE VOI

RoCkAnDwOw è interattività: di fatto siete voi i protagonisti dei nostri format. Infatti siete voi a scegliere i pezzi da inserire nelle nostre playlist, ovviamente tra quelli proposti nei sondaggi presenti nel gruppo Facebook (Clicca per visitare il gruppo).
Inoltre potete interagire alle nostre dirette o richiedere i vostri pezzi tramite

Numero WhatSapp 366 6388087

Canale Telegram https://t.me/RoCkAnDwOW

In conclusione, è arrivato il posto che stavate cercando: molta musica alternativa allo standard radiofonico, arricchita da “gustoso” materiale di cui “nutrirsi”, per trascorrere un po’ del vostro prezioso tempo in compagnia di Ark.

HANA BI SPECIALE INTERVISTE


RISING STARS INTERVISTE: SPECIAL GUEST HANA BI


INTERVISTA: DIETRO LE QUINTE

Venticinquesimo appuntamento con Rising Stars Speciale Interviste (HANA BI), il salotto dedicato agli artisti e alle band indipendenti, curato da Arianna Rebel!

Gli ospiti di oggi, all’interno del nostro format, sono gli HANA BI che ci propongono io loro nuovo singolo THE DAMNED.

Intervista condotta da Arianna Rebel, la quale si pone, come suo solito, in una versione frizzante e cordiale verso i protagonisti di oggi.
La Produzione è curata da Ark.

Info e iscrizioni su 

risingstars@rockandwow.it 


BIOGRAFIA

Gli Hana Bi sono una band di Napoli, formata da Johnny Darko (voce e chitarra), Luca Coletta (basso) e Alex De Nicola (batteria). L’idea degli Hana Bi nasce nel 2014 dalla voglia di Johnny di creare un progetto proprio. Tuttavia, è solo nel 2017, dopo varie formazioni poco fruttuose, che si raggiunge una formazione stabile in grado di portare avanti un progetto costante e serio. Questo coincide con l’inserimento di Alex alla batteria, che da allora è rimasto membro fisso, mentre Luca è entrato nella band nel 2020.

Dopo aver composto diverso materiale e macinato live nei vari club campani, la band ha inciso nel 2019 il primo EP omonimo: Hana Bi, da cui hanno tratto due video: “Labyrinth” e “Starlight”. Quest’ultimo è forse il pezzo più trasversale e richiesto della band durante i live.

Il secondo lavoro era previsto per il 2020, ma il Covid ha fatto slittare tutto al 2023 con l’album “Spleen and Guts”, uscito lo scorso maggio. Il nome Hana Bi viene dal titolo del film di Takeshi Kitano. L’ideogramma Hana (fiore) e Bi (fuoco) insieme compongono la parola “fuoco d’artificio”. L’idea di due cose così opposte (il fuoco e il fiore) che insieme danno vita a qualcosa di bello e diverso racchiude il senso della musica della band, che ha deciso di chiamare il suo stile “Spleen Rock”.

La band ha uno “non-genere” che passa da momenti di quiete e sognanti ad altri carichi di distorsioni e muri di fuzz riverberati. I testi, intrisi di malinconia e malessere, sono l’essenza dello spleen che vogliono esprimere con la loro musica. Non avendo un genere preciso in cui etichettarsi, l’idea di coniare questo termine è stata la scelta migliore.

L’eterno oscillare fra rabbia e malinconia, energia e malessere ha suggerito l’idea di chiamare il primo album “Spleen and Guts” (malinconia e coraggio/milza e intestino) per ribadire il dualismo che caratterizza il sound della band.

Le maggiori influenze sono i Joy Division, Cure, Smashing Pumpkins, Verdena, Slowdive, ma anche parte del movimento alternativo anni ’90 (Nirvana in primis).

A settembre 2023 è uscito il primo video tratto dall’album: “The Damned”, in cui si parla dei problemi dell’essere un vampiro e soprattutto del problema di dover affrontare l’eternità in un mondo mortale. Al momento, la band si prepara per diverse date live per promuovere l’album.

Hana Bi Intervista e Biografia
Hana Bi Intervista e Biografia

RECENSIONE
a cura di

La poetica del dualismo è quella degli Hana BI, la band alternative rock napoletana guidata da Johnny Darko, fondatore, cantante, chitarrista e principale autore del progetto. Il loro nuovo singolo, “The Damned”, è tratto dal loro nuovo primo vero e proprio album, “Spleen and Guts”. Parla di un vampiro che deve affrontare i problemi dell’essere, del vivere l’eternità in un mondo mortale. Il brano si presenta con un sound rock aggressivo e deciso, ma al contempo malinconico e psicologico. È infatti simbolo dell’eterno oscillare fra rabbia e malinconia, energia e malessere, come espresso nel titolo dell’album.

Questa è la caratteristica principale della band napoletana, il cui nome stesso richiama a tali dualismi raccontati con la musica. Il nome della band infatti viene da un ideogramma orientale tratto dal film di Takeshi Kitano, il quale mette in contrapposizione la parola “fiore” con “fuoco” e ci porta sul crinale oscillante fra due mondi opposti ma complementari al contempo. Lo possiamo anche sentire nei gemiti che il cantante intona nel ritornello, quasi uno sfogo di questo eterno oscillare.

Tutto questo racchiude il senso della musica della band, la quale definisce il loro un “Non Genere”, ossia ha uno stile che passa da momenti onirici e di quiete a momenti malinconici e aggressivi, intuibili molto dalle chitarre e i bassi fuzz riverberati, le distorsioni e i testi intrisi di questa essenza che loro etichettano come Spleen Rock.

Lo stile della band si avvicina molto a quello dei Joy Division, sia per la dicotomia continua fra malinconia e rabbia, sia per le sonorità, che rimandano comunque molto anche allo stile degli Smashing Pumpkins, dei Verdena, o dei primi Foo Fighters post Nirvana. Infatti, tale sound richiama generi come il punk o l’indie rock, e talvolta il rock psichedelico per le parti più oniriche generate con la chitarra, ascoltabili per esempio nella loro hit Starlight.

che generate con la chitarra, ascoltabili per esempio nella loro hit Starlight.


INTERVISTA PER ROCKANDWOW
a cura di Arianna Rebel

La redazione di Rockandwow ha ospitato, nel salottino virtuale dedicato agli artisti di Rising Stars, un altro artista degno di nota.

Ospiti indiscussi in questo speciale interviste, sono gli HANA BI, che ne ha rilasciato ben due distinte: una audio e una scritta.

1. Come vi siete conosciuti e come avete scelto il nome della band?

Johnny: “Con Alex ci siamo conosciuti nel 2017 perché ci serviva un nuovo batterista. Ci fu proposto come sostituto temporaneo; voleva darci una mano e restare giusto il tempo necessario per trovare un sostituto stabile. Invece, è poi diventato membro effettivo dal 2017.”

“Luca era un fan della band. Ci ha conosciuti a un live, siamo diventati amici e a volte ci faceva sentire come suonava i nostri pezzi, in particolare ‘Labyrinth’. Così, quando abbiamo avuto bisogno di un bassista per alcune date estive, abbiamo pensato subito a lui che già conosceva i pezzi. Poi, quando nel 2020 abbiamo avuto bisogno di un altro bassista, abbiamo pensato subito a lui.”



2. Quali sono le vostre principali influenze musicali e come le incorporate nel vostro stile?

Johnny: “Le nostre influenze sono varie. Ognuno di noi ascolta cose simili e totalmente diverse. Tuttavia, credo che quello che più si può ritrovare nel nostro sound sia il post punk, lo shoegaze e l’alternative degli anni ’90. Non saprei dire come lo incorporiamo dal punto di vista compositivo, è un processo spontaneo. Credo che alcune scelte e influenze facciano parte del nostro ‘DNA’ musicale, per cui non ce ne rendiamo conto.

Dal punto di vista del ‘suono’, sin dagli inizi mi sono rifatto sicuramente a band come gli Slowdive e altri gruppi degli anni ’90. Quindi, un certo uso dei fuzz, delay e riverberi viene da lì. Tuttavia, tutto è utilizzato in modo assolutamente personale e originale, almeno questo è l’intento.”


3. Cosa vi ispira a scrivere le vostre canzoni e quali sono i temi ricorrenti nei vostri testi?

Johnny: “Il mood, lo stato d’animo del momento, è quello che maggiormente ispira la musica. Nella mia mente, ho sempre pensato di voler creare atmosfere più che musica. I temi variano in base alle fasi che attraversa la band e io con essa. Essendo quello che ne scrive i testi, probabilmente influenzo maggiormente i temi affrontati. Inizialmente, preferivo parlare di luoghi, scenari e ricondurli al mio stato d’animo come delle proiezioni del mio mood. Poi, ho iniziato a essere meno indiretto e a scrivere in prima persona del mio malessere o inquietudini, magari parlando anche di cose più personali.
Ora, sono in una fase più distaccata, parlo di storie, esseri, creature e atmosfere a volte da incubo. Queste generalmente sono ispirate dal tipo di sensazione che la musica mi suggerisce.”


4. Qual è stata la vostra esperienza più memorabile sul palco e perché?

Luca: “Il momento più memorabile è stato quando la corrente è andata via a fasi alterne in un locale durante un paio di brani. Abbiamo continuato a suonare nonostante l’imprevisto, grazie al supporto della gente che faceva rumore, incitandoci e scandendo il tempo con le mani. Sembrava quasi un effetto voluto, ma non è stato così. Quando la corrente tornava, ci trovavamo esattamente a tempo con il brano e pronti a continuare, anche grazie al pubblico.”

Johnny: “Ho vari momenti ‘memorabili’. Uno che mi è rimasto impresso è stato quando, durante ‘Starlight’, le persone hanno iniziato a cantare il ritornello. Mi sono goduto lo spettacolo di vedere le persone intonare un nostro brano durante il live. Per una band non proprio famosa o comunque non mainstream, è una bella soddisfazione!”



5. Quali sono le vostre canzoni preferite da eseguire dal vivo e perché?

Alex: “Ognuna rappresenta una parte della mia anima e non potrei sceglierne una sola.”

Luca: “Le canzoni che suonare live, sono ‘Oblivion’ e ‘Ice’ perché cominciano con una certa atmosfera e poi cambiano direzione, culminando in un finale più energico.”

Johnny: “Non saprei, come Alex, è difficile scegliere. Ma posso dire che quando abbiamo un brano nuovo di zecca da portare live, per un certo periodo diventa quello il mio preferito da suonare.”



6. Qual è il vostro approccio alla scrittura di testi e come li adattate alla vostra musica?

So che ci sono molti cantanti o autori che hanno testi già scritti da adattare poi al brano, ma io non ci riuscirei. Ho bisogno sempre prima della musica; i testi sono l’ultima cosa che scrivo. Quindi, direi che è la musica e il mio stato emotivo a condizionare il testo che arriva solo alla fine.


7. Quali sono i vostri piani per il futuro in termini di tour e nuove uscite musicali?

Stiamo cercando date in tutta Italia per promuovere il disco. Per le nuove uscite musicali, non sappiamo ancora; ci stiamo ancora godendo il disco appena uscito. Però, sicuramente, appena le prove per i live ce lo concederanno, vorremmo dedicarci alla scrittura di nuovi brani. Per ora, abbiamo date fino a Marzo 2024.


8. Quali sono state le maggiori sfide che avete affrontato come band e come le avete superate?

Sicuramente, l’eterna sfida di aver una band come la nostra, in una realtà come quella di Napoli, non è cosa da poco. Infatti avere un genere ben definito, anche se di nicchia, aiuta parecchio e per noi questa, è la sfida maggiore che potessimo incontrare.
Altra grande sfida è stato il Covid, che ci ha bloccati. Come l’abbiamo superata? Con caparbietà e sopratutto credendo in quello che facciamo.



9. Parlateci del nuovo singolo.

Il brano “The Damned”, tratto dal nostro album “Spleen and Guts”, parla della vita di un vampiro. Il quale si confessa con sé stesso o, chissà, con qualcuno, un po’ come “Intervista col Vampiro”. Racconta i pro e soprattutto i contro della sua vita solitaria ed eterna.
Il brano è stato il primo a durare intorno ai tre minuti. Diciamo che è stata un po’ una rivoluzione compositiva, per noi, sotto molti punti di vista. Infatti abbiamo sempre avuto la tendenza a essere più prolissi, lenti e “riflessivi”. Di questo brano esiste un video di cui siamo molto orgogliosi, in quanto interamente ideato e prodotto da noi.


DISCOGRAFIA