U2: THE VIRTUAL ROAD LIVE 2021

La band di Bono e The Edge trasmetteranno quattro live esclusivi con altrettanti opener d’eccezione

ROCK NEWS


Gli U2 trasmetteranno gratuitamente quattro concerti in streaming!

U2: THE VIRTUAL ROAD LIVE 2021. Gli U2 hanno annunciato “U2: The Virtual Road”, una serie di quattro concerti trasmessi per la prima volta in esclusiva sul loro canale YouTube (solo per 48 ore). La band di Bono e The Edge pubblicherà per la prima volta in digitale tre di questi concerti, Slane Castle, Red Rocks e Messico City.

U2 Go Home: Live From Slane Castle (17 Marzo 2021)

Il primo concerto dell’iniziativa “U2: The Virtual Road” sarà trasmesso il giorno di San Patrizio, il 17 marzo 2021. “U2 Go Home: Live From Slane Castle” celebra il ritorno della band al leggendario Slane Castle il 1° settembre 2001, a vent’anni dal loro primo live sulle rive del fiume Boyne. E con una performance esclusiva per YouTube, Dermot Kennedy aprirà il concerto con un’esibizione solista registrata la scorsa settimana fuori Los Angeles.

U2: Live At Red Rocks, Denver, Colorado (25 Marzo 2021)

Il 25 marzo sarà il turno di “U2: Live At Red Rocks”, registrato il 5 giugno 1983 negli Stati Uniti, al Red Rocks Amphitheatre in Colorado, durante il War Tour. Uno spettacolo che ha segnato la loro carriera. L’esibizione avvenuta sotto la pioggia, in questo luogo iconico, ha contribuito a rendere gli U2 una delle più grandi live band del mondo. E un altro gruppo di Dublino nominato ai Grammy, i Fontaines D.C., aprirà il concerto con una performance registrata lo scorso anno nella loro città natale.

ASCOLTA I NOSTRI PODCAST

https://rockandwow.it/radio/

Ascolta “#RoCkAnDwOw Snack Music” su Spreaker.

Popmart: Live From Mexico City (1 Aprile 2021)

Il PopMart Tour ha preso d’assalto Città del Messico nel dicembre 1997 con uno spettacolo memorabile allo stadio Foro Sol. Il 1° aprile sarà Carla Morrison ad aprire, solo su YouTube, il “Popmart: Live From Mexico City” con una performance unica e speciale

iNNOCENCE + eXPERIENCE (10 Aprile 2021)

Nel dicembre 2015, gli U2 sono tornati a Parigi a meno di un mese dagli attacchi terroristici del 13 novembre, per due spettacoli riprogrammati. “iNNOCENCE + eXPERIENCE: Live in Paris” è stato l’ultimo concerto del tour, una serata indimenticabile con l’emozionante esecuzione di ‘People Have The Power’ di Patti Smith. Il 10 aprile, YouTube trasmetterà lo spettacolo per la prima volta e la band francese Feu! Chatterton farà da supporter.

Il calendario completo di “U2: The Virtual Road”:

17 Marzo – St Patrick’s Day
U2 Go Home: Live From Slane Castle – IRELAND 2001
In apertura DERMOT KENNEDY

25 Marzo
U2: Live At Red Rocks, Denver, Colorado – USA 1983
In apertura FONTAINES D.C.

1 Aprile
Popmart: Live From Mexico City – MEXICO 1997
In apertura CARLA MORRISON

10 Aprile
iNNOCENCE + eXPERIENCE: Live in Paris – FRANCE 2015
In apertura FEU! CHATTERTON

Fonte

È MORTO LOU OTTENS

Si è spento a 94 anni l’ingegnere olandese che rivoluzionò il modo di commercializzare la musica dagli anni ’60

ROCK NEWS


Si è spento a 94 anni l’ingegnere olandese che rivoluzionò il modo di commercializzare la musica dagli anni ’60

Addio Lou Ottens. Si è spento all’età di 94 anni l’ingegnere Lou Ottensl’inventore della mitica musicassetta.

L’ingegner Ottens iniziò a lavorare per la Philips nel 1952, ma il suo grande momento arrivò negli anni ’60 quando controllava il dipartimento sviluppo prodotti presso la filiale belga della società. Fu lì che creò la musicassetta, che venne presentata ufficialmente al mercato nel 1963 alla fiera dell’elettronica denominata Berlin Radio Show Electronics Fair.

Il nastro contenuto nella cassetta aveva l’obiettivo di facilitare l’utilizzo dei nastri magnetici rispetto ai sistemi a bobina. La  confezione più piccola portò  l’azienda a registrare il nome di “compact cassette” nel 1964.

Ottens negli anni successivi giudicò così la sua invenzione, ignaro di ciò che avrebbe rivoluzionato sul mercato musicale e nella cultura giovanile dei decenni futuri: “Eravamo come dei ragazzini che si divertivano a giocare. Non ci sentivamo come se stessimo facendo qualcosa di importante. Per noi era una specie di sport“.

Il design inventato e brevettato dall’ingegner Ottens diventò ben presto uno standard vendendo oltre 100 miliardi di cassette in tutto il mondo

ASCOLTA I NOSTRI PODCAST

https://rockandwow.it/radio/

Ascolta “#RoCkAnDwOw Snack Music” su Spreaker.

LA MUSICASSETTA

La cassetta divenne incredibilmente popolare negli anni ’70 e all’inizio degli anni ’80, grazie anche all’introduzione dello standard e del lettore all’interno delle automobili, dando la possibilità a chiunque di crearsi la propria playlist preferita registrando i brani dai vinili o direttamente dalla radio.

Proprio come il vinile, la cassetta ha visto negli ultimi anni una vera e propria riscoperta da parte degli amanti della musica.

L’ingegner Ottens è stato un vero pioniere per la diffusione della musica moderna e parte della sua storia è stata raccontata nel documentario del 2016, CassetteA Documentary Mixtape.

BEE GEES: IL FILM

Bee Gees, in progetto un film su di loro diretto da Kenneth Branagh

ROCK NEWS


La storia del gruppo composto da fratelli Gibb sarà oggetto di un lungometraggio prodotto da Barry Gibb.

BEE GEES: IL FILM. Il progetto di un film con i Bee Gees al centro della narrazione pare che stia prendendo sempre più forma. Come viene riportato da Variety il produttore della pellicola sarà Graham King, già alla produzione di ‘Bohemian Rhapsody’ sulla storia dei Queen. Per la regia il prescelto pare sia l’attore e regista britannico Kenneth Branagh.

Il 60enne Branagh, dopo essersi costruito una solida reputazione teatrale dirigendo e interpretando il repertorio di William Shakespeare, ha esordito nel cinema ancora alla regia e alla recitazione in una lunga serie di lavori.

IL BIOPIC

Il biopic – che non ha ancora un titolo – sarà scritto da Ben Elton. Produttore esecutivo sarà l’unico Bee Gees ancora vivo, Barry Gibb.

ASCOLTA I NOSTRI PODCAST

https://rockandwow.it/radio/

Ascolta “#RoCkAnDwOw Snack Music” su Spreaker.

BEE GEES OGGI

L’anno scorso, il terzetto australiano fu oggetto del documentario ‘How Can You Mend a Broken Heart’ diretto da Frank Marshall, mentre a gennaio Barry Gibb ha pubblicato l’album “Greenfields: The Gibb Brothers Songbook, vol. 1”

BEE GEES BIO

Il sodalizio familiare dei fratelli Gibb ha dato vita a una lunga saga musicale, spaziando dal pop-soft e dal country-folk degli esordi ai trionfi in discoteca di “Saturday Night Fever”, fino alle redditizie collaborazioni degli ultimi anni. Prima che una maledizione si abbattesse su di loro…

Infatti, Nel marzo 1988, un evento doloroso sconvolse la vita di casa Gibb: Andy, il fratello minore, morì per overdose a soli trent’anni. 

Ma il destino aveva in serbo un altro duro colpo per la famiglia Gibb: il 12 gennaio 2003, in seguito a un blocco intestinale, dovuto a una malformazione congenita, Maurice perse la vita a soli 53 anni, in un ospedale di Miami. La notizia gettò nello sconforto i fratelli e tutti i fan.

E nel 2012 la maledizione dei fratelli Gibb colpisce anche Robin, la storica voce del gruppo, che muore a 62 anni dopo una lunga battaglia con il cancro. Niente, invece, potrà uccidere il ricordo di una delle band più memorabili della disco-music, e del pop tutto.