PINK FLOYD, E L’INCUBO DEL FILM THE WALL

L’ALBUM

PINK FLOYD, e l’incubo del film The Wall. The Wall dei Pink Floyd è un album che ha segnato un’epoca. Narra la storia di una rock star che decide di voltare le spalle alla società e di chiudersi in sé stesso, dietro il suo “muro”. Le canzoni del disco tracciano così la storia del protagonista, Pink, e la band pensò subito di trasformarla in un film, ancor prima di registrare i brani. Il lavoro, però, fu tutt’altro che semplice.

LA REALIZZAZIONE DEL FILM

Inizialmente i musicisti pensarono di realizzare il film con dei filmati dei concerti del tour legato a The Wall. Si sarebbero alternati, alle immagini d’animazione create da Gerald Scarfe, quelle che avrebbero mostrato lo stesso Roger Waters nei panni di Pink. Però, la casa discografica EMI, si oppose a questa idea, insistendo però sull’idea di realizzare il film

Alla fine i Pink Floyd si affidarono ad Alan Parker che assunse così la guida del progetto. Per lui fu una grande occasione perché significava lavorare insieme ad alcune tra le più grandi rock star della storia. Il regista, però, capì immediatamente di aver sbagliato a dire di sì alla band e se ne pentì amaramente sin dall’inizio del lavoro.

LE RIPRESE

Il protagonista del film, doveva essere Roger Waters ma, dopo le prime prove, ci si rese conto che il musicista non era adatto al ruolo. Si penso allora di ingaggiare Bob Geldof. Tra l’altro, accadde un episodio molto particolare: dopo aver ricevuto l’offerta, ne parlò con il suo agente mentre erano in taxi, confessando di non aver mai apprezzato i Pink Floyd e la loro musica. Curiosamente, l’autista di quella vettura era il fratello di Roger Waters.

Nel frattempo, crescevano le tensioni tra Waters e il disegnatore Gerald Scarfe. Infatti i due non erano d’accordo su molte cose e questo rese il lavoro di Parker davvero impossibile.

Il musicista, il disegnatore e il regista, in effetti, avevano tre idee ben diverse su come realizzare il film di The Wall. Fu così non riuscirono ad arrivare a una soluzione condivisa. Alla fine la pellicola sembrò a tutti loro una storia senza una struttura e senza coerenza. Si arrivo alla conclusione che solo Waters poteva dire cosa significasse davvero il film.

La lavorazione di questo film, tra l’altro, fu un vero incubo non solo per Parker ma anche per Scarfe. Di fatto, l’artista era stressato e nervoso all’idea di dover andare ogni giorno al lavoro. Era anche così ansioso che alla fine iniziò persino a cercare conforto nell’alcool e a portare sempre con sé una fiaschetta di whiskey.

Gerald Scarfe, Roger Waters e Alan Parker, non solo non riuscirono a trovare un accordo sulla trama e sulla composizione della storia. Si scontrarono anche quando fu deciso di ingaggiare una banda di violenti skinheads, noti come i Tilbury Skins, per girare delle scene con una folla che fosse reale.

Invitare sul set un gruppo così numeroso di soggetti ben poco raccomandabili non fu una grande idea. Ancor prima di arrivare sul posto, questi tipi causarono parecchi problemi ai pub locali dove andarono ad ubriacarsi. Alan Parker si ritrovò così a dover gestire questa massa di delinquenti e lì capì di aver davvero raggiunto il limite della sopportazione.

FLOP PER WATERS

Il regista però riuscì a resistere e a completare il lavoro. Un film che forse, ad oggi, resta l’unico vero passo falso nella carriera di Roger Waters. Sebbene molti fan amino questo film, sono in tanti a pensare che l’opera non sia riuscita davvero a cogliere la magia dell’album. Né tanto meno a ricreare l’incredibile atmosfera degli storici ed ineguagliabili live di The Wall.

In conclusione, vi invitiamo a seguire le nostre serie per gustravi alcuni dei brani dei Pink floyd e saperne di più:
https://rockandwow.it/radio/

The Network: NEW ALBUM

ARRIVA IL NUOVO ALBUM DEL PROGETTO PARALLELO DEI GREEN DAY! La band di Billie Joe Armstrong, infatti, si sa che è sempre in fermento e, in effetti, con uno dei loro progetti paralleli, sembra proprio abbiano nuova musica da pubblicare!

Di fatto, la band, celata dietro le “maschere” dei The Network, una delle tante reincarnazioni dei Green Day (insieme ai Foxboro Hot Tubs), sembra proprio che quest’anno sia ricomparsa con tanto di nuovo profilo instagram, nuovo video e comunicato stampa.


Il loro unico album in studio “Money Money 2020” era infatti uscito nel 2003 e sembra proprio che, l’anno omonimo alla band, abbia portato un nuovo lavoro, dal titolo “Money Money 2020 Part II”.

Un’ulteriore conferma, arriva dal video, che è accompagnato da un messaggio che lascia ben pochi dubbi sul ritorno della band:

“I The Network si sono formati nell’anno 2003, adempiendo ad un’antica profezia che prevedeva che noi, i suoi membri scelti, avremmo lanciato un severo avvertimento all’umanità sotto forma di musica… Raggiungendo rapidamente fama e fortuna, siamo stati spesso scambiati per la più grande band rock ‘n’ roll, i Green Day. Questo confronto terreno è quasi comico quanto gli umani che abitano questo pianeta morente! L’uscita di “Money Money 2020 Part II” servirà come lezione finale! Gli Dei stanno ridendo e adesso sta a voi provare che si stanno sbagliando…”

Concludendo, possiamo affermare che il ritorno dei The Network, appare alquanto inquieto e monitore. Cosa ci riserveranno?

ROCKANDWOW TOP HIT 2^ PUNTATA

LA CLASSIFICA DI ROCKANDWOW

Diamo una svolta alle nostre giornate e creiamo la nostra Top Hit Classic Rock: in barba alle solite classifiche, andiamo a scovare tutte le leggende, dagli Aerosmith ai ZZ Top, e creiamo la RoCkAnDwOw Top Hits.

Un poker musicale, dove verranno messe in “Tavola” 10 canzoni, che ognuno di voi voterà in un sondaggio creato a HOC nel nostro Gruppo Facebook, che cresce giorno dopo giorn.

Verranno raccolte le vostre preferenze, e a risultato finale, partirà #RoCkAnDwOwTopHit, condotto da Ark, dove ascolterete la top 5 dei pezzi più gettonati.

A seguire, un nuovo sondaggio con nuove band e nuovi pezzi e, molto importanti, i vostri voti! In questa seconda puntata, le vostre preferenze hanno premiato: T. Rex, Ram JamYesSteppenwolfThe Animals.

In conclusione, la nostra speranza è quella di intrattenervi e creare un legame con noi. Un modo per ringraziarvi dell’affetto che in questi due anni ci avete dimostrato.

Alla fine dei sondaggi (10 in totale), verrà decretata la top 50 ufficiale di #RoCkAnDwOw, unica grande famiglia!

VOTA IL TUO BRANO PREFERITO