INTERVISTA CON GINO DE STEFANI

AI MICROFONI DI ROCKANDWOW ARRIVA GINO DE STEFANI


LA VIDEO INTERVISTA PARTE 1^

INTERVISTA CON GINO DE STEFANI

INTERVISTA CON GINO DE STEFANI. Ai microfoni di #RoCkAnDwOw​ arriva Gino De Stefani. Per tutti gli appassionati di musica ecco l’interessante “chiacchierata” con De Stefani. Ha composto musiche di molti brani di artisti italiani e stranieri come Al Bano Carrisi, Fabrizio De Andre’, Fiorello, Domenico Modugno, Laura Pausini, Fabio Perversi, Romina Power e tanti altri

Noi di #RoCkAnDwOw​ abbiamo avuto l’onore e il piacere di intervistarlo, in un doppio appuntamento, dove scopriremo molti aneddoti del maestro legati grandi nomi della musica internazionale.

LA VIDEO INTEVISTA PARTE 2^

GINO DE STEFANI: BIOGRAFIA

Gino De Stefani è nato a Milano il 27 settembre 1956. A diciannove anni firma il primo contratto discografico con la Durium: qui, con Gian Piero Ameli forma gli Idea 2, duo musicale con il quale riesce ad avere una buona visibilità, grazie ad una sigla scritta assieme a Paolo Limiti per Tele Montecarlo.

La carriera da artista dura poco ma incomincia quella di autore. Compone musiche di molti brani di artisti italiani e stranieri. Tra i progetti discografici più noti a cui ha preso parte per le parti musicali dei brani si citano Bandabertè del 1979, primo album di Loredana Bertè.

In seguito, arriva Mamma Maria, album di successo inciso nel 1982 dai Ricchi e Poveri. Successivamente, compone dischi di popolarità internazionale, come “Le cose che vivi” e “Tra te e il mare”, pubblicati da Laura Pausini rispettivamente nel 1996 e nel 2000. Nel 1983 scrive per Domenico Modugno Io vivo qui, pezzo che il cantante pugliese presenta al Festival di Sanremo come ospite d’onore.

SUCCESSI MONDIALI

Nel 1982 compone assieme a Cristiano Minellono e Dario Farina il brano Felicità, che Al Bano e Romina Power hanno interpretato al Sanremo di quell’anno divenuta poi, una delle canzoni italiane più conosciute all’estero. Inoltre, è autore di brani anche per artisti stranieri come Sergio Dalma, Trijntie Hoosterhuis, Ricardo Montaner, Ragazzi, Grace, Jan.

GLI SPOT, TORMENTONI CASALINGHI

Gino De Stefani ha anche collaborato con Greenmovie, dal 1999 al 2010, per la realizzazione di jingle musicali per spot pubblicitari radiofonici e televisivi: alcuni di questi sono, Kinder Ferrero, Honda, Rotoloni Regina, Limonce’, Rum Pampero, Findus, Tele 2, Chevrolet Matiz, Enel, Brioschi, Pirelli, Regione Calabria, Pocket Coffee, Carmencita Lavazza, Cornetto Algida, Parmalat, Toyota, Lovable, Maalox

QUEEN: RITROVATO UN NASTRO STORICO

QUEEN: RITROVATO UN NASTRO STORICO. La Band di Mercury ritrova la registrazione di uno dei loro primi concerti di sempre risalente al 1970.

ROCK NEWS


I QUEEN HANNO RITROVATO UN NASTRO CON LA REGISTRAZIONE DI UNO DEI LORO PRIMI CONCERTI DI SEMPRE.

QUEEN: RITROVATO UN NASTRO STORICO. Durante un’intervista rilasciata al magazine Classic Rock, il chitarrista dei Queen Brian May, ha raccontato di aver ritrovato un nastro contenente uno dei primi concerti di sempre della band appena formata.

Si tratta di uno show tenuto all’Imperial College di Londra. May ha dichiarato che la band e alla costante ricerca di materiale storico di particolare interesse. Il ritrovamento di questa video cassetta lo ha reso entusiasta, ammettendo di non ricordare nemmeno che fosse in possesso del nastro.

ASCOLTA I NOSTRI PODCAST

https://rockandwow.it/radio/

Ascolta “#RoCkAnDwOw Snack Music” su Spreaker.

IL PRIMO LIVE DEI QUEEN

A quanto pare, la data esatta del nastro storico ritrovato, non si conosce. Però andando ad analizzare la registrazione, essa risale alle prime testimonianze dal vivo del gruppo. I Queen tennero il loro primo concerto proprio all’interno dell’ Imperial College di Londra, il 18 luglio 1970 quando al basso c’era ancora Mike Grose.

Il video mostra ancora una band molto giovane, e un Freddie Mercury che mostrava tutta la volontà, il carisma e la passione per il canto, ma non aveva ancora la maturità per imbrigliare la sua fantastica voce.

PRONTO AD ESSERE RESO PUBBLICO?

Concludendo, il chitarrista Roger Taylor, sta ancora cercando di capire cosa fare della registrazione. Magari, qualche anno fa, avrebbero censurato la notizia, in quanto sono sempre stati molto proptettivi su loro stessi.

Ma adesso, con la consapevolezza di chi è avanti con l’età, si ha meno vergogna di mostrarsi come si era un tempo, e di come erano i Queen in quel lontano luglio 1970: Come dichiarato dallo stesso Taylor, erano i Queen contro il resto del mondo