CARL PERKINS

Carl Lee Perkins: un'artista che, anche se ha accompagnato innumerevoli volte il "man in black", si merita un posto tra le leggende del panorama musicale.
Carl Lee Perkins: un’artista che, anche se ha accompagnato innumerevoli volte il “man in black”, si merita un posto tra le leggende del panorama musicale.

ROCK USA


CIGAR BOX

Chi è stato Carl Lee Perkins? Cantante, compositore e chitarrista, fu pioniere del genere rockabilly e rock’n’roll. In questo articolo, parleremo di un’artista che, anche se ha accompagnato innumerevoli volte il “man in black”, si merita un posto tra le leggende del panorama musicale.

È annoverato tra i pionieri dello stile che ha sconvolto il XXº Secolo: il Rock and Roll. La sua prima “chitarra” fu una “cigar box”, che gli fece suo padre, con una scatola di sigari e un manico di scopa. Era il massimo che una famiglia, impegnata nei campi di cotone del Tennessee, potesse permettersi. Più tardi prese in mano la sua prima vera chitarra e iniziò il suo viaggio musicale con i suoi fratelli.

MILLION DOLLAR QUARTET

Ha fatto parte del gruppo di artisti della celeberrima Sun Records, di Sam Philips, quindi del cosiddetto Million Dollar Quartet.
Infatti arrivò a Memphis, attirato dalla voce di un ragazzo di nome Elvis Presley, che ebbe la fortuna di conoscere presto. Divennero amici ed incisero insieme, dando vita alle celebri registrazioni del leggendario “Million Dollar Quartet”, insieme a Johnny Cash e Jerry Lee Lewis.

BLUE SUEDE SHOES

Il suo maggior successo, “Blue Suede Shoes”, è particolarmente conosciuta, nell’immortale interpretazione di Elvis Presley. Pochi sanno però, chi l’abbia scritta e quanto il suo autore sia importante nella storia della musica americana e non solo.
Carl Perkins, alfiere del rockabilly, pregiato autore e performer, raggiunse la fama componendo “Blue Suede Shoes”, canzone che fece saltare le classifiche del 1956, l’anno di maggior successo commerciale del rockabilly.


Il brano ha venduto milioni di copie, ed è uno dei successi più duraturi della musica popolare americana.
Fu anche il primo singolo della Sun Records, a vendere un milione di copie.
All’inizio, però, le vendite stentarono a decollare e fu solo grazie alla presenza fissa di Perkins, al Big D Jamboree,
a dare la svolta, tanto che i negozi di dischi, cominciarono ad essere presi d’assalto da giovani e meno giovani.

Masse di persone che cercavano, tra le pile di dischi, quel 45 giri dedicato alle scarpe scamosciate.
A tal proposito, Perkins, raccontò, che una sera del dicembre del 1955…
andò a divertirsi in un club della sua città, e notò un ragazzo con scarpe di camoscio blu, che ballava con una bella ragazza. Ad un certo punto, lui le disse di non calpestargli le scarpe scamosciate. Era davvero un pazzo agli occhi di Perkins: con quello schianto al suo fianco, si preoccupava delle scarpe!
Tornato in albergo, Perkins non perse tempo e buttò giù il testo di “Blue Suede Shoes”. Non avendo altro, annotò le parole su un sacchetto delle patate e, prendendo come incipit i versi di una filastrocca, scrisse il suo maggior successo.

FIGURA CHIAVE

In mezzo secolo di carriera, Carl Perkins, non ha mai smesso di suonare quel Rock and Roll primitivo che ha affascinato una generazione intera. Soprattutto lo ha reso una delle figure chiave per l’esplosione del Rock and Roll, insieme al suo grande amico, Elvis Presley.
È stato una figura fondamentale, nella formazione di artisti, che hanno definito i canoni del rock moderno e contemporaneo.


Oltre aver suonato al fianco di Elvis Presley, suonò anche con Chuck Berry, Jerry Lee Lewis, Johnny Cash, Bob Dylan e dei Beatles.
Paul McCartney” affermò: “Se non ci fosse stato lui, i Beatles non sarebbero mai esistiti”, rimarcando l’importanza capitale che Perkins ricoprì, nel passaggio di consegne, tra il rock and roll delle origini e la moderna musica popular.
Fu nominato tra i 100 migliori chitarristi di tutti i tempi dalla rivista Rolling Stone.

ASCOLTA LA STORIA DI CARL PERKINS IN PODCAST

Per ascoltare la musica di CARL PERKINS e parte della storia di questo colosso della musica, basta cliccare Play e lasciarsi andare.

Seguiteci sui nostri canali per vivere il viaggio attraverso l’America, ed incontrare gli artisti che hanno tracciato una lunga ed itramontabile scia artistica.

Ascolta “#RoCkAnDwOw Snack Music” su Spreaker.

JIMI HENDRIX IN VENDITA IL SUO AMPLIFICATORE MARSHALL

JIMI HENDRIX, IN VENDITA IL SUO AMPLIFICATORE MARSHALL. La storica testata riporta la scritta J.H. EXP. e le quotazioni partono da una base di 350.000 $
JIMI HENDRIX, IN VENDITA IL SUO STORICO AMPLIFICATORE MARSHALL: FU USATO ANCHE A WOODSTOCK. La storica testata riporta la scritta J.H. EXP. e le quotazioni partono da una base di 350.000 dollari

ROCK NEWS


L’AMPLIFICATORE

JIMI HENDRIX, IN VENDITA IL SUO STORICO AMPLIFICATORE MARSHALL
Uno degli storici amplificatori usati da Jimi Hendrix è stato messo in vendita online, sul sito Reverb.com, con un prezzo base di 350.000 dollari. In particolar modo, si tratta di un Marshall Super Lead 100. Secondo Reverb.com, venne usato dal chitarrista a partire dall’aprile 1969.

ASCOLTA I NOSTRI PODCAST

https://rockandwow.it/radio/

Ascolta “#RoCkAnDwOw Snack Music” su Spreaker.


DA WOODSTOCK ALL’ISOLA DI WHITE

L’amplificatore, accompagnò il leggendario Hendrix in alcune delle sue più memorabili esibizioni, come quelle al Rainbow Bridge Vibratory Color Sound Experiment, al Festival dell’Isola di Wight, al Germany’s Open Air Love & Peace Festival e, soprattutto, al Festival di Woodstock. Molto probabilmente, venne anche usato per delle prove e delle sessioni di registrazione dell’album Band Of Gypsys.



CARATTERISTICHE TECNICHE

A livello tecnico, si tratta di un amplificatore da 100 watt, con quattro valvole di potenza EL-34 e tre valvole di pre-amplificazione ECC-83 / 12AX7. Gli interni sono stati cablati a mano, secondo quanto risulta dall’epoca di costruzione.

La distorsione, (per la quale è celebre questo storico amplificatore), venne ottenuta portando la manopola del volume ben oltre il limite. In diversi punti dell’amplificatore si trova la scritta ‘J.H. EXP.’, ovvero Jimi Hendrix Experience, insieme con la dicitura “handle with care”.

La macchina, si trova in buono stato, tranne un piccolo difetto sulla lettera M del logo Marshall frontale, la quale risulta un po’ sbeccata.

IL PREZZO

Il pacco, viene venduto accompagnato da una lettera di ispezione di Phil Wells, capo dei servizi di archiviazione e patrimonio di Marshall.
Infine, il prezzo, che parte dai 350.000 dollari iniziali, sta salendo e l’interesse cresce di minuto in minuto. Infatti, sempre più persone, secondo Reverb.com, stanno visionando questo importante reperto del rock per portarselo a casa!

DAVID GILMOUR E KIRK HAMMETT 2021

DAVID GILMOUR E KIRK HAMMETT 2021. I chitarristi di Pink Floyd e Metallica hanno contribuito alla registrazione per due canzoni mai pubblicate dai Fleetwood Mac.
DAVID GILMOUR E KIRK HAMMETT 2021. I chitarristi di Pink Floyd e Metallica hanno contribuito alla registrazione per due canzoni mai pubblicate dai Fleetwood Mac.

ROCK NEWS


IL LIBRO

DAVID GILMOUR E KIRK HAMMETT 2021
Il prossimo ottobre uscirà un nuovo libro che racconterà la vita e la carriera del grande chitarrista dei Fleetwood Mac Peter Green. Il nuovo volume, annunciato da poche ore, conterrà anche un paio di versioni inedite dei classici della band, rivisitati e con parti inedite aggiunte da due dei più amati chitarristi del rock, David Gilmour dei Pink Floyd e Kirk Hammett dei Metallica.

ASCOLTA I NOSTRI PODCAST

https://rockandwow.it/radio/

Ascolta “#RoCkAnDwOw Snack Music” su Spreaker.


L’INTERPRETAZIONE DI GILMOUR

La prima traccia sarà una versione inedita di Need Your Love So Bad, con la traccia vocale di Peter Green registrata nella soffitta di sua madre negli anni ’60. Il chitarrista dei Pink Floyd, David Gilmour ha contribuito con nuove registrazioni, aggiungendo al brano il suo caratteristico e inconfondibile stile.

L’INTERPRETAZIONE DI HAMMETT

Kirk Hammett dei Metallica sarà presente all’interno della nuova versione di Man of the World dei Fleetwood Mac. Il chitarrista della band di San Francisco ha registrato le sue parti all’interno degli storici studi di Abbey Road a Londra nel gennaio 2020, suonando la famosa chitarra “Greeny” di Green. La batteria è stata registrata da Mick Fleetwood, proprio come nel brano originale del 1971.

DATA DI PUBBLICAZIONE

Entrambe le tracce saranno pubblicate come parte del nuovo libro Peter Green – The Albatross Man, in uscita ad ottobre e in preordine dal prossimo 28 aprile.