FOO FIGHTERS: NUOVO ALBUM

ROCK NEWS


FOO FIGHTERS, DAVE GROHL DESCRIVE DEL NUOVO ALBUM

Dopo la pubblicazione del singolo Shame Shame il frontman dei Foo Fighters, parla di Medicine At Midnight, l’album in uscita il 5 febbraio del 2021. Durante il lockdown Dave Grohl è stato molto attivo sui social per mantenere il contatto con i fan realizzando così, una nuova versione di Time Like These a scopo benefico. I Foos hanno poi capito che sarebbe stato inutile continuare ad aspettare che finisse l’emergenza sanitaria. Di fatto, hanno deciso di lavorare al nuovo album, il decimo della loro carriera.

Medicine At Midnight

L’album, Medicine At Midnight è stato annunciato in seguito all’uscita, (il 7 novembre al Saturday Night Live) del singolo Shame Shame, In una nuova intervista per Kerrang, Dave Grohl ha parlato del nuovo disco e di questo anno strano. l’LP era già completo a febbraio 2020. A causa del COVID la band è stata costretta a fermarsi. Di fatto, Dave GrohlTaylor HawkinsPat SmearNate Mendel e Chris Shiflett non si sono visti per circa sei mesi, evento molto strano per loro. Non era praticamente mai successo da quando hanno iniziato a suonare insieme. Il frontman ha anche spiegato che questo è stato il primo vero periodo di stop per la band che negli ultimi anni.

LA REUNIUON dei FOO FIGHTERS DOPO 7 MESI

Alla fine, Groll e la Band, hanno sentito il dovere di far ascoltare al grande pubblico i loro brani. Così si sono riuniti  escogitando un nuovo piano. Hanno riorganizzato ogni cosa, poiché il tutto era basato su grandi eventi live, dediti a festeggiare i 25 anni di carriera. La registrazione del disco, è avvenuta in una vecchia casa nel quartiere del frontman. Ha inoltre dichiarato che Questo è uno dei dischi più semplici da suonare. Ha continuato dicendo che album è composto solo da riff di chitarra potenti, ritmi fo********te potenti e ritornelli fo********te potenti! 

L’ENTUSIASMO DI GROHL

Ha poi espresso il suo entusiasmo nel comporre i brani, esprimendo le sue emozioni e i suoi pensieri alcuni di questi sono: ‘Oh mio Dio, questo brano sarebbe perfetto per un festival’. Oppure ‘Questo sarebbe perfetto in uno stadio’. Ha infine dichiarato che ha tenuto in considerazione la resa dei brani dal vivo, creando dei  ritornelli molto simili a inni immaginando 100mila persone che li cantano insieme alla Band. Ma il suo più grande rammarico, è che non potrà vivere nell’imediato queste sensazioni.

SEGUI I NOSTRI PODCAT

Questo è Rockandwow, canale web di cultura e intrattenimento musicale, ma è anche podcast, con tante serie che non potete assolutamente perdere: https://rockandwow.it/radio/

PINK FLOYD, E L’INCUBO DEL FILM THE WALL

L’ALBUM

PINK FLOYD, e l’incubo del film The Wall. The Wall dei Pink Floyd è un album che ha segnato un’epoca. Narra la storia di una rock star che decide di voltare le spalle alla società e di chiudersi in sé stesso, dietro il suo “muro”. Le canzoni del disco tracciano così la storia del protagonista, Pink, e la band pensò subito di trasformarla in un film, ancor prima di registrare i brani. Il lavoro, però, fu tutt’altro che semplice.

LA REALIZZAZIONE DEL FILM

Inizialmente i musicisti pensarono di realizzare il film con dei filmati dei concerti del tour legato a The Wall. Si sarebbero alternati, alle immagini d’animazione create da Gerald Scarfe, quelle che avrebbero mostrato lo stesso Roger Waters nei panni di Pink. Però, la casa discografica EMI, si oppose a questa idea, insistendo però sull’idea di realizzare il film

Alla fine i Pink Floyd si affidarono ad Alan Parker che assunse così la guida del progetto. Per lui fu una grande occasione perché significava lavorare insieme ad alcune tra le più grandi rock star della storia. Il regista, però, capì immediatamente di aver sbagliato a dire di sì alla band e se ne pentì amaramente sin dall’inizio del lavoro.

LE RIPRESE

Il protagonista del film, doveva essere Roger Waters ma, dopo le prime prove, ci si rese conto che il musicista non era adatto al ruolo. Si penso allora di ingaggiare Bob Geldof. Tra l’altro, accadde un episodio molto particolare: dopo aver ricevuto l’offerta, ne parlò con il suo agente mentre erano in taxi, confessando di non aver mai apprezzato i Pink Floyd e la loro musica. Curiosamente, l’autista di quella vettura era il fratello di Roger Waters.

Nel frattempo, crescevano le tensioni tra Waters e il disegnatore Gerald Scarfe. Infatti i due non erano d’accordo su molte cose e questo rese il lavoro di Parker davvero impossibile.

Il musicista, il disegnatore e il regista, in effetti, avevano tre idee ben diverse su come realizzare il film di The Wall. Fu così non riuscirono ad arrivare a una soluzione condivisa. Alla fine la pellicola sembrò a tutti loro una storia senza una struttura e senza coerenza. Si arrivo alla conclusione che solo Waters poteva dire cosa significasse davvero il film.

La lavorazione di questo film, tra l’altro, fu un vero incubo non solo per Parker ma anche per Scarfe. Di fatto, l’artista era stressato e nervoso all’idea di dover andare ogni giorno al lavoro. Era anche così ansioso che alla fine iniziò persino a cercare conforto nell’alcool e a portare sempre con sé una fiaschetta di whiskey.

Gerald Scarfe, Roger Waters e Alan Parker, non solo non riuscirono a trovare un accordo sulla trama e sulla composizione della storia. Si scontrarono anche quando fu deciso di ingaggiare una banda di violenti skinheads, noti come i Tilbury Skins, per girare delle scene con una folla che fosse reale.

Invitare sul set un gruppo così numeroso di soggetti ben poco raccomandabili non fu una grande idea. Ancor prima di arrivare sul posto, questi tipi causarono parecchi problemi ai pub locali dove andarono ad ubriacarsi. Alan Parker si ritrovò così a dover gestire questa massa di delinquenti e lì capì di aver davvero raggiunto il limite della sopportazione.

FLOP PER WATERS

Il regista però riuscì a resistere e a completare il lavoro. Un film che forse, ad oggi, resta l’unico vero passo falso nella carriera di Roger Waters. Sebbene molti fan amino questo film, sono in tanti a pensare che l’opera non sia riuscita davvero a cogliere la magia dell’album. Né tanto meno a ricreare l’incredibile atmosfera degli storici ed ineguagliabili live di The Wall.

In conclusione, vi invitiamo a seguire le nostre serie per gustravi alcuni dei brani dei Pink floyd e saperne di più:
https://rockandwow.it/radio/